Il cane: hobby, ma anche impegno e cura

Molte persone credono che fare semplicemente il bagnetto al cane e mantenerlo pulito sia sufficiente per la sua cura e per la sua igiene, ma ci sono molte altre operazioni di igiene e cura, per i nostri amici a quattro zampe, che non devono essere trascurate.

La pulizia delle orecchie

La pulizia delle orecchie: i cani infatti sono abbastanza soggetti a sviluppare otiti e altre infezioni, quindi è necessario mantenere il padiglione auricolare pulito.

A tal fine occorre un pezzetto di garza sterile o un dischetto di cotone (quelli utilizzati per struccarsi) inumiditi con un po’ di acqua ossigenata, prestando attenzione a strizzarlo perché non coli eccessivamente; dopodiché si dovrà pulire con delicatezza l’orecchio senza spingersi troppo in profondità per non rischiare di creare danni, ma cercando di rimuovere tutte le secrezioni e impurità. Si consiglia di ripetere questa operazione almeno ogni dieci giorni.

Pulizia degli occhi

Spesso al risveglio o, ad esempio, dopo un viaggio in auto con il finestrino aperto, i nostri quattro zampe tendono a sviluppare lacrimazione dagli occhi. Basta rimuoverla anche tutti i giorni, a seconda della necessità, utilizzando sempre con una garza o un dischetto di cotone bagnati con acqua o con apposite soluzioni oftalmiche.

Le zampette

Le zampe del cane: pur essendo una parte del corpo apparentemente meno delicata, devono essere controllate: in particolare è bene guardare di tanto in tanto che, dopo la passeggiata in strada, ma soprattutto nei boschi, non siano rimasti incastrati in mezzo ai polpastrelli dei residui di sporcizia o dei corpi estranei (come pezzi di ramoscelli) e, nel caso, rimuoverli.

Le unghie da tagliare

Il taglio delle unghie: è necessario soprattutto per i cani domestici, che vivono in appartamento e che, se non fanno molto moto, non hanno modo di consumarle. Questo fa sì che le unghie crescano eccessivamente, impedendo al cane di poggiare la zampa correttamente a terra e talvolta anche provocando dolore, oltre a metterlo a rischio di scivolamenti, soprattutto in appartamento, dove i polpastrelli non riescono a fare presa sui pavimenti lucidati. Per effettuare il taglio delle unghie, utilizzare le apposite tronchesi o forbici in vendita nei negozi di animali.

Pulizia e igiene

La pulizia delle parti intime: per mantenere pulite le parti intime del cane è sufficiente utilizzare delle salviette igienizzanti, passandole delicatamente ogni giorno sulle zone interessate.

Pettinare il pelo: questa operazione di igiene del cane va ripetuta di frequente, anche tutti i giorni, soprattutto per le razze a pelo lungo o medio e con abbondante sotto pelo; rimuoverete così il pelo morto, oltre ad eventuali residui di sporcizia depositata e avrete anche modo di tenere sotto controllo lo stato di salute della cute dell’animale, notando l’eventuale presenza di parassiti. Si dovrà utilizzare un apposto pettine, preferibilmente a denti larghi.

Il bagnetto: la pelle del cane è protetta da uno strato di lipidi che sono prodotti dalle ghiandole sebacee distribuite su tutta la superficie corporea. Tali ghiandole hanno un’importantissima funzione protettiva e nutriente.

Proprio per non seccare la pelle rendendola quindi più sensibile all’aggressione di agenti esterni (batteri, lieviti, parassiti), in condizioni di salute il bagno non deve essere effettuato più di una volta ogni 20-30 giorni, usando sempre dei saponi neutri, non aggressivi. Un ottimo metodo per effettuare l’asciugatura è quella di utilizzare uno specifico soffiatore per cani, ovvero sia, un utilissimo asciugatore studiato per i cani.

Questi elettrodomestici hanno la caratteristica di essere estremamente silenziosi, offrono la possibilità di regolare l’intensità del flusso di aria e la relativa gradazione della temperatura. Inoltre, sono dotati di vari accessori utili per la fase di asciugatura del pelo del nostro amico a quattro zampe.