Il miglior dildo possibile?

C’è chi dice che il miglior dildo sia quello che fa godere di più, che dia il massimo del piacere, e che la forma e la dimensione non sia la stessa per tutte: per ogni donna, a seconda della sua conformazione anatomica, della dislocazione delle proprie terminazioni nervose, esiste un tipo di dildo ottimale.

Trovare il proprio miglior dildo può non essere un’impresa semplice, non esiste una regola generale per scoprire quale sia, non esistono manuali, e le vagine sono l’una diversa dall’altra, quindi la soluzione è provare, provare e ancora provare, con tanti tipi di dildo, fino a trovare quello ottimale per sè stesse, quello che merita di essere eletto come il più segreto degli amanti, quello che rappresenta un orgasmo assicurato.

Tipi di dildo

Ce ne sono davvero tanti, tutti diversi per forma e dimensione, eppure tutti con le caratteristiche tali da poter essere il miglior dildo. Ci sono quelli sottili, quelli con diametri maggiori, quelli lunghi 15 cm e quelli da 30 cm, quelli con scroto e quelli con schizzo di liquidi per dare l’idea dello sperma, quelli curvi e quelli rettilinei, quelli doppi, quelli anali, quelli a coniglio, quelli che imitano alla perfezione un vero fallo e quelli con un design innaturale, magari astratto e futuristico.

Anche per quanto riguarda i materiali costruttivi, ci sono quelli in lattice, quelli in silicone, quelli in vinile, e perfino quelli in metallo, tutti rigorosamente anallergici, quelli lisci e quelli ruvidi. Insomma, per tutti i gusti, e per tutti i diversi tipi di sensazione di contatto tra la pelle e il dildo. L’importante è non confondersi, nell’ambito dei sex toys, tra un dildo e un vibratore: questo infatti è elettrico, in grado di vibrare autonomamente, mentre un dildo classico va mosso manualmente.

 

Il miglior dildo soddisfa in tanti modi

miglior dildo soddisfa in tanti modiUna volta individuato il miglior dildo, quello che soddisfa meglio il proprio corpo, per forma, dimensione e tipo di stimolazione, difficilmente sarà un giocattolo che verrà a noia, questo perché può essere usato in tanti modi diversi.

Quello tipico, il più diffuso ma meno fantasioso, è certamente l’uso mediante penetrazione, si manovra il dildo mimando i movimenti di un rapporto sessuale vero, con la sostanziale differenza che si possono scegliere e variare profondità e frequenza, in modo che il dildo segua le richieste di piacere del proprio corpo, accompagnandolo lungo la curva dell’eccitazione; la profondità va regolata in modo da stimolare le proprie terminazioni nervose interne, in particolare il punto G.

Un’alternativa piacevole è l’uso esterno del dildo. Muovendolo con gesti sapienti e calibrati, la punta del dildo può sfregare giusto sul clitoride, regalando sensazioni uniche ed orgasmi intensi, oppure può strisciare sulle grandi e piccole labbra, stimolando tutta la parte esterna della vagina, che come noto è quella più sensibile.

Allora quale sarebbe il miglior dildo?

È quello che soddisfa al meglio il proprio corpo, quello che provoca gli orgasmi più forti, quello che eccita e dà piacere sia internamente tramite penetrazione, sia esternamente tramite stimolazione clitoridea.

Il dildo per tutte le occasioni

Per molti anni, si è pensato al dildo ad un oggetto da usare in modo solitario, mentre ci si masturba da sole. Negli ultimi anni, grazie ad uno sdoganamento di costumi sessuali alternativi ottenuto soprattutto grazie alla rete Internet, si è diffuso l’uso del dildo anche nei rapporti di coppia, per l’eccitazione preliminare di una donna, o per l’uso in alternativa al pene del partner, o anche per la doppia penetrazione.

Fonte: www.sextoys.it