Posizionare un sito su Google

Ricordo ancora quando sul web vi erano una o al massimo 2 figure professionali, in particolare c’era il programmatore ed il webmaster, oggi invece ci sono innumerevoli figure professionali che si interi progetti online e che in passato non avremmo mai immaginato.

Dal social media strategy al project manager, support manager, customer care etc… tutte figure che riescono ad integrarsi a tutto tondo in realtà che fatturano quasi esclusivamente nel mondo online.

Per far si che queste figure possano esercitare in maniera costante la loro professione, però occorre che i siti in cui lavorano acquisiscano traffico, clienti e facciano vendite.

Il traffico ovviamente gioca un ruolo molto importante all’interno della strategia da utilizzare per far si che tutte queste figure professionali possano coesistere fra loro al fine di raggiungere il goal.

Ad oggi il traffico web è di 2 tipi

Tipi di traffico web

  1. A pagamento
  2. Organico

Quello a pagamento è presto fatto. Accedo alle piattaforme di ADV come adwords, bing, facebook etc.. e compri traffico nella misura che più ti appare performate cpc, per impression etc…

La seconda tipologia di traffico in cui ci addentreremo un po di più è quello organico, ovvero quello che riceviamo dai motori di ricerca e nello specifico da Google.

E’ vero che l’ottimizzazione dovrebbe essere fatta al fine di poter essere trovati su tutti i principali motori di ricerca, ma è anche vero che Google rappresenta praticamente il 90% delle ricerche fatte sul web e in Italia forse il 99%

Quindi per un’azienda avere un buon posizionamento su Google è di vitale importanza.

ma come si fa posizionare un sito su Google così da ottenere visibilità e raggiungere gli obiettivi aziendali?

Il lavoro è molto complesso ma può essere sintetizzato in 2 macro aree

Le fasi del posizionamento

  1. ottimizzazione on page
  2. ottimizzazione off page

Nel primo caso, si ottimizza il codice al fine da essere ben strutturato ed intermpretato da Google.

Google a sua volta si avvale di alcuni software chiamati spider che scansionano la rete costantemente e quando trovano il tuo sito lo guardano a fondo così da poterlo catalogare ed indicizzare nel miglior modo attribuendo una sorta di punteggio.

Una volta idicizzato, il tuo sito sarà presnete nel database di Google ma ciò non vuol dire che sarai visibile nelle ricerche degli internauti.

Infatti la differenza tra posizionamento e indicizzazione è notevole

Quando un sito è ben posizionato, vuol dire che è visibile immediatamente a seguito di una ricerca fatta su google e per ottenere questo risultato, oltre a fare tutto il possibile per avere il sito OK lato on page, occorre passare alla fase 2 dove l’ottimizzazione va fatta dall’esterno.

Devi immaginare il web come una grossa piazza di una grande paese. in un paese ci sono sempre delle persone più influenti di altre e nella piazza si parla di loro. Quando si parla di qualcuno e ne parla tutto il paese, quella persona inizia a prendere visibilità fino ad ottenere un posto di rilevo all’interno della comunità.

Sul web accade la stessa cosa ed è quando un sito web ti regala un link che si parla di te. Quindi più link otterrai dal web e più il tuo sito diventerà visibile.

Come puoi ben capire non sarà così semplice trovare buoni link e in molti parleranno male del tuo progetto e del tuo operato e questo creerà una sorta di sali e scendi rispetto al tuo sito fino a quando non otterrai il posto che meriti.