Usare lenti a contatto giornaliere conviene?

 

La differenza tra lenti a contatto morbide e rigide

Le lenti a contatto rappresentano una sostituzione pratica e meno ingombrante dei classici occhiali da vista. Stiamo parlando di lenti di piccole dimensioni che vengono poste direttamente sulla superficie oculare e aderiscono in maniera automatica su di essa.

Bisogna però effettuare una prima distinzione tra le lenti a contatto morbide e quelle rigide:

  • Le morbide si contraddistinguono per una presenza cospicua di acqua al loro interno e per dimensioni piuttosto limitate;
  • Le rigide sono più piccole e al tempo stesso maggiormente consistenti. In questo articolo, vogliamo focalizzarci sulle lenti a contatto morbide e sulle motivazioni per le quali esse convengono.

I vari tipi di lenti a contatto morbide

Abbiamo brevemente spiegato cosa sono le lenti a contatto morbide. A loro volta, questi minuscoli oggetti possono essere categorizzati in base alle modalità di utilizzo e alla loro conformazione. Dal primo punto di vista, esistono lenti a contatto monouso, ad uso prolungato e “usa e getta”:

  • Le monouso costano molto poco e possono durare nell’arco di tempo compreso tra una settimana ed un mese prima di essere buttate via, oltre a dover essere sostituite in numerose occasioni.
  • Le “uso prolungato” non necessitano di alcuna sostituzione e di alcun tipo di pulizia, con un elevato passaggio di ossigeno;
  • Le “usa e getta” sono più costose, ma anche le più semplici da mantenere ed ideali quando devono essere adoperate soltanto per utilizzi occasionali.

Inoltre, le lenti morbide possono anche essere idrofile, cioè non si deformano a contatto con l’acqua, e al silicone, in grado di durare di più.

I vantaggi della lente a contatto morbida

Ma perché le lente a contatto morbida è così consigliata? E quali sono i loro vantaggi? Innanzitutto, esse possono essere indossate con minori difficoltà e per molte ore consecutive, mentre per quelle rigide bisogna allenarsi in più occasioni. L’adattamento è molto più facile e veloce, con la vista che diventa ben più performante.

Al tempo stesso, le lenti a contatto morbide non conferiscono quasi mai la tipica sensazione di bruciore e di pesantezza, oltre a non generare in maniera frequente lacrime incontrollate. Esse aderiscono perfettamente alla cornea ed esercitano una pressione piuttosto limitata.

Grazie a questi elementi interessanti, le lente a contatto meno dure difficilmente attrae particelle estranee e non rappresenta un terreno fertile per la nascita di irritazioni e di abrasioni.

In quali casi non si devono portare le lenti a contatto

Bisogna stare attenti alle varie controindicazioni per le quali non si possono indossare le lenti a contatto giornaliere, tra cui anche quelle morbide. Ad esempio, i pazienti soggetti ad allergie di un’elevata entità non possono portare tali aggeggi, così come chi subisce spesso infezioni agli occhi e chi opera in un ambiente lavorativo caratterizzato da un alto grado di polvere.

Bisogna, inoltre, essere in grado di gestire al meglio le proprie lenti a contatto per farne un uso adeguato e consono. In caso contrario, sarebbe preferibile farne a meno. Prima di andare a dormire, è necessario togliersi le lenti, così come non devono essere indossate per più di 15 ore consecutive. In caso contrario, ci sarebbero effetti negativi per i propri occhi.