Vibratore rabbit per stimolare vagina e clitoride

Semplici nell’uso, trasgressivi nella forma: i vibratori Rabbit conquistano un pubblico femminile sempre più esigente ed attento alle proprie necessità.

Vibratori Rabbit: la storia dei sex toys che non passano mai di moda

Nel 1869, tra polemiche e discutibili dichiarazioni circa il suo utilizzo, nasceva il primo vibratore, con lo scopo di “curare” l’isteria nelle donne: da allora la strada di quello che è ormai diventato il re dei giocattoli erotici -il cui scopo non è più quello di curare alcunché, bensì di offrire puro e sano piacere- si è evoluta per regalare una serie di articoli interessanti. Il primo vibratore a stimolazione doppia arrivò infatti nel 1983, e venne progettato con forme animalesche perché apparisse innocuo e poco esplicito, più simile ai giochi dei bambini; il fine era quello ingannare quella fetta di pubblico ancora non propensa ad accettare il commercio dei primi sex toys.

Quella che doveva essere una scappatoia per schivare il giudizio dell’opinione pubblica, divenne un vero e proprio concept che portò, appena un anno dopo, alla nascita del primo Vibratore Rabbit (vibratore coniglio). Tutt’ora in commercio, anche se chiaramente ammodernato ed evoluto nei particolari, il toy assume una classica forma fallica, lunga e protesa, alla quale si aggiungono, lungo le estremità, due piccoli supporti che tanto ricordano le orecchie del coniglio.

Come si può facilmente immaginare, il corpo centrale è studiato per una corretta stimolazione vaginale, mentre le “orecchie” vengono in suo supporto per stimolare, allo stesso tempo, il clitoride. È stato infatti realizzato ad arte per offrire doppio piacere: un’idea vincente che trova ampio riscontro nei dati di vendita, in continuo aumento. Il “vibratore coniglio” è ormai una certezza per le clienti più esigenti, in cerca di relax e piacere al termine di una giornata impegnativa, o semplicemente per allargare i confini della sfera sessuale di coppia. Tutto ciò che serve è lì: a portata di mano.

Vibratore rabbit – il lato tecnico del sex toy più longevo

stimolatore vagina e clitorideBenché appaia più sofisticato rispetto ad un classico vibratore, il Rabbit è semplice da utilizzare e da maneggiare. Nei modelli più avanzati le orecchie si possono posizionare a proprio piacimento o addirittura essere estratte dalla base. Varie opzioni e combinazioni d’uso garantiscono inesplorati confini al piacere.

Al fine di rendere l’orgasmo più intenso è indicato l’uso del gel stimolante e di un lubrificante a base d’acqua. Quest’ultimo, dopo essere stato applicato in modeste quantità sulla punta del Rabbit, agevola e rende totalmente indolore la penetrazione: il piacere che ha da offrire è indescrivibile e lo si può scoprire giorno dopo giorno mettendo in moto la fantasia e la voglia di sperimentare.

Le molteplici velocità dello strumento, unitamente alla forma ed alla flessibilità delle orecchie, incrementano ed intensificano la stimolazione.
Il coniglio birichino può essere inoltre utilizzato all’interno del rapporto di coppia per rendere scoppiettanti i preliminari ed aggiungere un pizzico di trasgressione all’ordinario.