Doppiaggio Voice over: quali sono gli ambiti per utilizzare lo speakeraggio

Negli ultimi tempi si sente sempre più spesso parlare di speaker voice over, una figura professionale molto richiesta in ambito aziendale, utilizzato per comunicare un brand, prodotto o messaggio che un’azienda vuol far conoscere ad un utente per trasformarlo in cliente.

Tuttavia, in molti si chiedono perché questa figura sta diventando sempre più richiesta nell’ambito del marketing e nel mondo della comunicazione.

Ebbene, prima di rispondere a questi quesiti è fondamentale capire in dettaglio chi è lo speaker voice over, qual è il suo ruolo principale.

Speaker voice over: chi è

Si tratta di un professionista specializzato nell’attività di doppiaggio che presta la sua voce fuoricampo – da qui il termine voice over – per soddisfare diversi servizi quali, pubblicità, documentari e filmati.

È sempre più richiesto anche nell’ambito delle riprese cinematografiche e questa figura viene solitamente utilizzata per illustrare ad alta voce il pensiero del protagonista.

In ambito pubblicitario invece, il suo compito è quello di sponsorizzare il prodotto in un modo accattivante ma credibile, viene spesse volte richiesto dalle aziende per eseguire delle presentazioni aziendali di un certo rilievo al fine di esporre con la massima professionalità il progetto di cui fanno parte per acquisire maggiori clienti.

Ma un settore fortemente in crescita dove la presenza di uno speaker voice over la fa da padrona è quello degli audiolibri.

Ebbene, negli ultimi anni a questa parte, è stato appurato che questi libri digitali stanno riscuotendo un grandissimo successo perché permettono di avvicinare alla lettura non solo i non vedenti ma anche i bambini che non hanno ancora la capacità di poter leggere da soli.

In questo caso la voce narrante non deve essere convincente ma piuttosto dolce perché deve accompagnare il lettore, pagina dopo pagina, nelle varie storie illustrate.

Come si diventa speaker voice over

Per poter diventare uno speaker professionista è necessario in primis frequentare un corso di formazione dove si potranno apprendere diversi metodi per eseguire performance degne di nota.

Naturalmente bisogna investire tantissimo tempo e avere una forte dedizione verso questo ambito, altrimenti si farà pochissima strada.

Oltre a tutto questo è doveroso precisare che, questo lavoro non è adatto a chiunque, ma se si possiede una bella voce, la capacità di pronunciare e al tempo stesso di intonare correttamente le parole, allora in tal caso, si potranno avere delle ottime possibilità di carriera.

Bisogna lavorare sodo per farsi conoscere, inizialmente sarà un’impresa ardua ma se si possiede una forte determinazione e una grande tenacia allora ci si potrà incanalare verso la giusta strada ed entrare in un ambito che sicuramente apporterà delle grandissime soddisfazioni.

Alcuni consigli per la realizzazione di una buona demo

Una demo per uno speaker voice over è indispensabile per farsi conoscere dalle aziende, in sostanza rappresenta il proprio marchio distintivo, ed è proprio per questa ragione che bisogna presentarlo al meglio.

È assolutamente vietato registrare la propria voce con lo smartphone o con il solo microfono del PC, in altri termini si tratta del proprio biglietto da visita e in quanto tale tutto deve essere realizzato nel minimo dettaglio, perché è bene sottolineare che sono proprio i particolari a fare la differenza.

Detto questo è consigliabile registrare la propria demo presso uno studio di registrazione professionale oppure acquistare l’occorrente (microfono, casse, e via dicendo) e crearsi in proprio una piccola stanza di registrazione.

Dopo averlo registrato correttamente, bisogna inviarlo a chi di competenza e sperare che arrivino delle risposte.

Se non arrivano, non bisogna disperarsi, ma il silenzio deve essere inteso come uno stimolo per migliorarsi ancora di più e riproporsi con qualche elemento aggiuntivo.

Infatti, non bisogna dimenticare che, come per tutti gli ambiti lavorativi, anche in questo caso, occorre trovarsi al posto giusto nel momento giusto, per continuare a studiare, provare impegnarsi e sperare che venga riconosciuto il proprio talento.