Importanza ed evoluzione del codice fiscale nel tempo

Il codice fiscale tradizionale plastificato bianco e verde ormai non si rinnova più, infatti, negli ultimi anni si fa ricorso alla tessera sanitaria che contiene anche altri elementi identificativi oltre al codice fiscale vero e proprio.

Dal 2004, infatti, è entrato in vigore questo cambiamento epocale per gli italiani, apportando cambiamenti radicali nelle abitudini degli italiani, attraverso l’unificazione in un unico documento che ne consente un uso estremamente pratico.

Nel 2011 è sopraggiunta un’altra innovazione, la Tessera Sanitaria-Carta Nazionale Dei Servizi con un microchip che permette il collegamento con tutti i servizi in rete che vengono erogati dalla Pubblica Amministrazione. E’ incredibile pensare come nel giro di pochi anni, si sia passati dal vecchio codice fiscale plastificato a questi strumenti innovativi dotati di elementi tecnologici.

Come se non bastasse, nel 2018 si è verificato un altro cambiamento che è ancora in una fase di diffusione abbastanza circoscritta per la verità. Infatti, il codice fiscale è confluito nella Carta d’Identità Elettronica, sotto forma di codice a barre. Le opportunità offerte dalla tecnologia sono diventate veramente straordinarie ed i documenti realizzati negli ultimi anni permettono un accesso a una rete molto ampia che consente ad ogni persona di essere identificabile non solo in Italia, ma anche nei Paesi dell’Unione Europea, in modo da non trovarsi mai sprovvisti di tutta la documentazione necessaria, ovunque si vada.

Non lasciatevi cogliere impreparati: come si calcola il codice fiscale fai da te

Tutti i cittadini devono essere in possesso del codice fiscale e non soltanto della serie di numeri e lettere, ma del documento vero e proprio da esibire, ogniqualvolta sia richiesto, per cui, nel caso in cui sia scaduto bisogna subito correre ai ripari, altrimenti per qualsiasi operazione rischiate di aspettare tempi biblici prima di portarli a compimento.

Di solito, per fortuna, nel momento in cui si avvicina la data di scadenza, il sistema provvede automaticamente a inviare la nuova tessera sanitaria, in cui è contenuto, come si è già detto il codice fiscale. Infatti, l’evoluzione dei sistemi di rilevazione dei dati fiscali ha determinato una pronta individuazione delle carte vicine alla scadenza, proprio per il fatto che il codice fiscale è confluito nella tessera sanitaria, diventando un unico documento.

Anche nel caso doveste perdere il codice fiscale è opportuno correre tempestivamente ai ripari. In attesa di riceverne uno nuovo, previa segnalazione all’Agenzia delle Entrate, potete ricorrere ad un algoritmo che calcola il codice fiscale in modo semplice e veloce. Oggi in internet ci sono tantissimi siti che svolgono questa funzione e che utilizzano un algoritmo identico a quello dell’Agenzia delle Entrate. Per creare il vostro codice fiscale temporaneo potete, per esempio, usare il sito Calcola Codice Fiscale e, successivamente, stamparlo in modo da averlo sempre a portata di mano.

Importanza del codice fiscale

Il codice fiscale, è utile ribadire, oramai è un documento indispensabile perché contiene tutte le informazioni necessarie che sono utili per ricostruire gli elementi anagrafici necessari da utilizzare in tutti quei casi in cui è richiesto il codice fiscale stesso e sono veramente molti, ad esempio, volete richiedere un nuovo conto, fare operazioni bancarie di una certa complessità, richiedere una documentazione importante? Se non avete il codice fiscale rischiate di rimanere arenati senza poter mettere a frutto i vostri guadagni, intraprendendo nuove operazioni.

Immaginate di aver fatto delle file pazzesche, per poi ritrovarvi finalmente trafelati davanti allo sportello senza riuscire a portare a termine l’operazione. Come si è detto, dal 2004 si è verificato un felice connubio tra codice fiscale e tessera sanitaria, consentendo di avere a portata di mano un documento cumulativo che consente anche di fruire servizi per la propria salute. Infatti, per acquistare i farmaci e poter fruire di tutte le agevolazioni fiscali, è necessario avere sempre a disposizione la tessera da esibire, per cui, nel caso in cui fosse scaduta e necessitasse di essere rinnovata non esitate a comunicarlo tempestivamente, in modo tale da poter disporre nel più breve tempo possibile di un documento di importanza fondamentale.

Di solito non c’è bisogno di farne richiesta, in quanto è il sistema stesso che provvede a inviare la nuova tessera diversi mesi prima della scadenza, in modo da consentire ai possessori di avere sempre con sé il prezioso documento. A volte, però, può capitare che il sistema si inceppi e il sospirato documento non arrivi e allora, come procedere?

Conclusioni

Naturalmente, può anche succedere che siate costretti a richiedere il prezioso documento perché lo avete smarrito, per cui è necessario provvedere al pronto recupero di un codice temporaneo utilizzando appositi siti specializzati nel calcolo del codice fiscale.

A volte l’invio della tessera sanitaria può richiedere tempi abbastanza lunghi, quindi, per accelerare la pratica ci si può tranquillamente rivolgere all’Azienda Sanitaria locale di riferimento per ricevere un certificato sostitutivo, prima che l’Agenzia delle Entrate provveda a inviare la tessera nuova.

Come evidenziato in precedenza, esiste anche una procedura online che consente di effettuare in tempi rapidi le operazioni per richiedere la tessera, basta semplicemente collegarsi al sito dell’Agenzia delle Entrate e cercare la sezione dedicata espressamente alla richiesta del duplicato del documento cumulativo che contiene la Tessera Sanitaria e il tesserino del Codice Fiscale.

Con questo articolo speriamo di avervi fatto capire quanto sia importante non lasciar passare troppo tempo, nel momento in cui si avvicina la scadenza di un documento così importante, perché non se ne può andare in giro sprovvisti.