orologio

L’orologio da taschino più complicato e prezioso della storia

Qual è l’orologio da taschino più complicato e prezioso della storia? Sicuramente quando si pensa al modello di segnatempo da taschino più famoso e costoso non si può che nominare l’Henry Graves Supercomplication di Patek Philippe.

L’orologio costruito dal famoso Patek Philippe nel 1933 è un vero e proprio capolavoro nel mondo dell’orologeria e si presenta come il congegno da tasca più complesso che sia mai stato costruito. Tant’è vero che prende il nome di Sacro Graal dell’alta orologeria. Il segnatempo è realizzato in oro ed il suo valore è milionario.

Il valore infatti, è stato stimato sui 21,3 milioni di dollari, e dopo essere passato di mano in mano da vari proprietari fortunati è passato in mano a una casa d’asta la Sotheby’s di Ginevra, che è riuscita a venderlo successivamente a un prezzo altissimo, una cifra record che ha permesso all’orologio di fregiarsi del titolo di orologio più famoso al mondo.

L’orologio è stato in mano alla famiglia che lo aveva commissionato a Patek nel 1925, fino al 1969. Dopo oltre 36 anni custodito dalla famiglia di Henry Graves, nel 1969 venne venduto a un industriale, dopo di ché fu esposto anche all’Atwood’s Time Museum a Rockford.

Perché l’orologio è tanto prezioso?

Esistono tantissimi orologi preziosi al mondo, ma perché questo modello da taschino è davvero quello più prezioso della storia? Un primo motivo va ricercato nel fatto che l’orologio realizzato da Patek sia stato creato con alcune delle tecniche più avanzate del mondo.

Patek Philippe per accontentare Henry Graves ci mise ben 6 anni di lavoro per progettare l’orologio e riuscire nel suo assemblaggio, anni che hanno permesso all’orologio di essere unico, perfetto e così complicato che fino ad oggi è una vera e propria leggenda.

Nonché è uno dei pezzi più ricercati da collezionisti privati e musei, venduto più volte all’asta, come l’ultima tenuta da Sotheby’s a Ginevra, l’orologio così complesso e ricco di complicazioni è amante da tutti coloro che hanno una forte passione nel settore.

Perché un orologio così complicato? Il banchiere americano aveva fatto una richiesta precisa a Patek Philippe. Il nuovo orologio doveva presentare moltissime complicazioni, più di quelle del Grande Complication di Vacheron & Constantin che avevano creato per James Ward Packard.

Le complicazioni dell’orologio creato per Packard erano molte, ma Patek Philippe non si è fatto in alcun modo spaventare e ha realizzato un modello ancora più complesso e con tantissime funzioni. Come descritto dalla casta d’aste l’orologio unisce il massimo della tecnologia all’ideale rinascimentale con oltre 24 complicazioni.

Il modello, dunque, in seguito ad una competizione tra Patek e Packard. Una competizione sicuramente Patek Philippe è riuscito a vincere.

Le caratteristiche del Henry Graves Supercomplication di Patek

Tra gli orologi Patek Philippe sicuramente quello creato per Henry Graves, che costo ben 60 mila franchi svizzeri, è uno dei più complessi e di quelli che hanno maggior valore sul mercato.

L’orologio da taschino è stato realizzato con un totale di 24 funzioni, per questo motivo prende il nome “Supercomplication” ossia super complicato, con una mappa stellare che richiama il cielo notturno sopra New York.

Realizzato con le più avanzate tecniche dell’epoca, l’orologio presenta tantissime funzioni e complicazioni uniche e perfette che fino ad oggi incantano tutti. Le funzioni sono così tante che è davvero complesso elencarle e spiegarle tutte nel dettaglio.

Una delle cose più belle di questo orologio è sicuramente la mappa celeste che serve a mostrare il cielo notturno nello stesso modo in cui si poteva ammirare dall’appartamento di Graves che è affacciato su Central Park.

Realizzato in modo incredibilmente meraviglioso, puntiglioso, riportando alle stelle la magnitudine, la distanza, ruotando insieme il cielo dell’orologio. Un dettaglio che rende questo segnatempo da taschino davvero unico in ogni suo dettaglio e nelle romantiche complicazioni inserite da Patek.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le principali complicazioni. Per l’indicazione dell’ora, l’orologio presenta complicazioni quali: ore, minuti, secondi e tempo siderale; l’ora del tramonto e dell’alba; equazione per il tempo del calendario; e un interessante calendario perpetuo.

Nel quadrante dell’orologio di Patek Philippe per l’indicazione dell’ora ci sono: i giorni del mese, della settimana, i mesi, una splendida mappa celeste, età e fasi lunari, cronografo cronometrico, cronografo tradizionale. 

Sul quadrante nella zona dello split dei secondi sono presenti, invece, altre complicazioni quali: il registratore di 30 minuti, il registratore a 12 ore, il Chime (ossia un meccanismo che scandisce le mezze ore e le ore complete).

Nella zona dei secondi sono presenti anche: il Westminter Carrilon, la Grande Sonnerie con Carrilon, la Petit Sonnerie con Carrilon, la ripetizione dei minuti e infine la sveglia.

Inserire tutti questi elementi e complicazioni all’interno di un orologio è stata sicuramente un’impresa che ha regalato al settore però un prodotto davvero meraviglioso, unico, e davvero molto costoso, con la sua quotazione milionaria.