The Shannara Chronicles: una scommessa vinta?

The Shannara Chronicles ha fatto molto parlare di se nel corso degli ultimi mesi. La serie ideata da MTV per fungere da contraltare a Game of Thrones e incollare alla televisione un pubblico giovane evidentemente affamato di fantasy, sembra in effetti aver vinto la scommessa dal punto di vista degli ascolti, grazie ad una qualità indiscussa.

Le recensioni giunte da più parti hanno in effetti segnalato alcuni piccoli difetti, in particolare dialoghi frettolosi e una narrazione semplificata rispetto alla complessità dei romanzi su cui è basata The Shannara Chronicles, ma allo stesso tempo hanno elogiato il ritmo e la capacità di restituire le atmosfere amate da chi ha letto i romanzi di Terry Brooks.

Va però specificato che la serie riversata in Italia da Sky Atlantic non prende a riferimento tutta la saga, bensì soltanto il secondo romanzo della serie, Le pietre magiche di Shannara. Una precisazione non di poco conto e che apre la strada ad eventuali sequel.

Cosa succede in The Shannara Chronicles

The Shannara Chronicles è ambientato ad Arborlon, la mitica capitale del regno degli Elfi, ove gli abitanti si apprestano ad essere investiti da un terrificante cataclisma. La pianta che protegge il regno dai demoni confinati nel Divieto, l’Eterea, si trova ormai in punta di morte e il suo decesso potrebbe sancire l’invasione da parte delle forze del male.

Per impedire che ciò avvenga, saranno due ragazzi a mobilitarsi, ovvero la principessa degli Elfi, l’intrepida Amberle Elessedil, e l’ultimo dei discendenti della stirpe di Shannara, Wil Ohmsford, il legittimo erede delle Pietre Magiche.

I due decidono di unire le loro forze per cercare di portare a termine una vera impresa, ovvero piantare il nuovo seme in grado di impedire all’Eterea di morire. Per farlo e impedire quindi l’invasione delle Quattro Terre da parte dei demoni, i due dovranno dare vita ad una lotta contro il male e il tempo che scorre inesorabile affrettando la fine.

Chi è Terry Brooks

Terry Brooks è uno dei più amati autori di fantasy a livello mondiale. Nato nel 1944, ha pubblicato il suo primo romanzo, La spada di Shannara, nel 1977, con uno straordinario successo di vendite. Se questa prima prova si iscrive pienamente nel filone del fantasy, con il tempo la sua opera è andata discostandosi dai canoni del genere. Negli anni a seguire Brooks ha comunque dedicato a Shannara un intero ciclo di romanzi che sono stati pubblicati anche nel nostro Paese, con un successo che non è mai venuto meno.
Il suo nome è molto noto anche per un altro motivo.

Quando era infatti arrivato alla metà della stesura della trilogia del Verbo e del Vuoto, Brooks fu interpellato da George Lucas, il regista che ha creato a sua volta l’universo di Star Wars, affinché elaborasse il romanzo “Star Wars Episodio I: La Minaccia Fantasma”. Shannara Chronicles è ambientato ad Arborlon

Una richiesta motivata dal fatto che lo scrittore è sempre stato un appassionato di Star Wars. Dopo aver accettato l’incarico, lo scrittore elaborò un libro il quale uscì sul mercato proprio un mese prima della pellicola, con grande successo, decretato sia dai fans di Guerre Stellari che da quelli di Shannara Chronicles.

Il cast di Shannara Chronicles

Il successo della serie è stato agevolato anche da un cast di ottimo livello, in cui spicca Austin Butler, chiamato a interpretare il giovane Wil Ohmosford, già noto al grande pubblico per aver ricoperto i ruoli di Sebastian Kydd in The Carrie Diaries e di James Garret in Nickelodeon Zoey 101.

Il ruolo di Amberle Elessedil, la coraggiosa e istintiva principessa degli Elfi è stato invece affidato a Poppy Drayton, già notata in Downton Abbey e When Calls The Heart. C’è anche Manu Bennett, noto per aver preso parte a Arrow e Lo Hobbit, nei panni di Druido Allanon, mentre Eretria, la giovane ladra che sarà chiamata ad affiancare il viaggio di Wil e Amberle nel tentativo di salvare il regno degli Elfi è interpretata da Ivana Baquero, già arrivata al grande successo interpretando la parte di Ofelia ne Il labirinto del fauno, alle dipendenze di Guillermo del Toro.

John Rhys-Davies, già molto noto grazie alla sua interpretazione di Sallah nel ciclo di Indiana Jones, del nano Gimli nella saga de Il Signore degli Anelli e del professor Maximillian Arturo nella fiction televisiva I viaggiatori, ricopre invece la parte di Re Eventine, il nonno di Amberle.

Infine Aaron Jakubenko, chiamato ad interpretare Ander Elessedil, il secondogenito di Eventine e già ammirato in Neighbours. Per i più giovani, in particolare, The Shannara Chronicles potrebbe essere il definitivo trampolino di lancio verso una grande carriera.

Il regista

A dirigere le riprese di The Shannara Chronicles è stato invece chiamato Jonathan Liebesman, regista sudafricano già molto noto per quanto fatto in precedenza. Nato a Johannesburg, nel settembre del 1976, Liebesmann si è fatto notare sin dal 2003, quando ha diretto un B-movie, Darkness Falls che pur girato con pochissimi mezzi e un budget limitatissimo è riuscito ad incassare oltre 40 milioni di dollari in tutto il mondo.

Tre anni dopo ha poi diretto Non aprite quella porta: l’inizio, il prequel della famosa saga horror. In seguito ha girato World Invasion, che ha incassato oltre 200 milioni di dollari, e Tartarughe Ninjia, che ne ha incassati quasi 500.